fbpx
Home » Bimbi » Urlare ai bambini è dannoso e diseducativo
urlare ai bambini è dannoso e diseducativo

Urlare ai bambini è dannoso e diseducativo

Numerose ricerche hanno dimostrato che alzare la voce fino a urlare quando ci si rivolge ai bambini può essere altamente diseducativo e – tra l’altro – mette a rischio il loro benessere psichico.  Scopriamo nel dettaglio perché urlare ai bambini è dannoso e sostanzialmente inutile.

Prima di affrontare questo spinoso problema educativo, proviamo a porci una domanda: perché noi adulti decidiamo di alzare la voce con i bambini per redarguirli e convincerli a fare o a non fare una certa cosa? La risposta non è così scontata come si potrebbe pensare. Non lo facciamo perché il bambino si rifiuta di ascoltarci, ma piuttosto perché non siamo riusciti a trovare strumenti educativi più idonei e perché, sostanzialmente, abbiamo perso il controllo.

Quando alziamo la voce significa che non siamo più in grado di gestire la situazione e che, con buone probabilità, siamo sopraffatti dallo stress e dalla stanchezza. Ciò equivale a dire che nel preciso istante in cui urliamo decretiamo il nostro fallimento come educatori e, d’altra parte, mettiamo in atto un comportamento prevaricatorio e irrazionale che risulta essere nocivo per il bambino, il quale si sentirà ingiustamente sminuito.

I sentimenti del bambino

urlare ai bambini è dannoso e diseducativo

Il bambino verso cui sono indirizzate le urla si sentirà ferito e incompreso. Ma oltre a questa controproducente mortificazione si determina anche un danno a lungo termine: il piccolo, infatti, crescerà convinto del fatto che urlare sia l’unico modo per relazionarsi con il prossimo, senza percepirlo come un atto aggressivo.

Urlare ai bambini è dannoso e diseducativo: lo studio di Pittsburgh

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Pittsburgh ha dimostrato scientificamente che urlare ai bambini è dannoso e diseducativo: essi, infatti, rischiano di sviluppare nell’adolescenza atteggiamenti aggressivi oppure una forma di timidezza estrema.

Gli studiosi, in effetti, hanno monitorato per 2 anni i bambini di dieci diverse scuole medie e le loro famiglie. In quei contesti domestici in cui le urla erano a pieno titolo parte del sistema educativo familiare, i bambini hanno adottato, una volta cresciuti, comportamenti devianti o hanno manifestato disturbi umorali.

È contestualmente emerso che i bambini educati a suon di urla sono molto disobbedienti e, benché i loro genitori sappiano anche essere amorevoli e presenti, l’effetto negativo prodotto dalla voce alta non viene neutralizzato da un successivo gesto affettuoso.

Imparare a gestire l’emotività

Qual è la soluzione dunque? I genitori che ogni tanto hanno la tentazione di urlare per farsi ascoltare dai propri figli – cosa peraltro più che normale – devono imparare ad affrontare in maniera più consapevole la propria emotività, in modo tale da essere in grado di gestire i conflitti quotidiani che hanno luogo in famiglia.

 

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi