fbpx
Home » Consigli » Maniglie per porte blindate: come sceglierle?
maniglie per porte blindate

Maniglie per porte blindate: come sceglierle?

La scelta delle maniglie per le porte blindate è fondamentale per garantire le migliori prestazioni degli infissi e, soprattutto, gli standard di sicurezza più elevati: che si tratti di proteggere un’abitazione privata, un ufficio, un negozio o qualsiasi altro tipo di edificio, è sempre consigliabile rivolgersi a professionisti del settore per avere la certezza di usufruire di prodotti di qualità. Non va sottovalutato, poi, il loro aspetto estetico, che contribuisce a definire lo stile degli ambienti. Tra i parametri che meritano di essere presi in considerazione in vista di un acquisto c’è l’ergonomia, che deve assicurare la migliore presa possibile.

Care mamme, se avete a cuore la sicurezza della vostra abitazione, leggete attentamente questa guida!

La forma delle maniglie

A definire l’aspetto ergonomico di una maniglia per una porta blindata è la sua forma: nella maggior parte dei casi essa è concava verso la parte interna o lievemente curva, in modo tale da assicurare la massima comodità in fase di impugnatura. Va detto, però, che sul mercato ci si può imbattere in un ricco e variegato assortimento di possibilità, con varianti di tutti i tipi in grado di adeguarsi alle esigenze più diverse.

Non sono da escludere, per esempio, le maniglie lineari che – non essendo sagomate – sono perfette per le porte più sobrie e non troppo pesanti. I pomoli e i maniglioni sono ulteriori alternative che vale la pena di valutare, mentre la presenza di un meccanismo di bloccaggio o di una serratura aggiuntiva contribuisce ad aumentare il livello di sicurezza dell’edificio.

In un appartamento in cui sono presenti dei bambini, d’altro canto, può essere utile ricorrere a una maniglia munita di un dispositivo di sicurezza a leva.

Le maniglie esterne

Le maniglie destinate a essere collocate all’esterno devono essere progettate e messe a punto in modo tale da non subire danni a causa dell’esposizione all’aria aperta: è essenziale, pertanto, che siano in grado di resistere non solo all’usura che potrebbe derivare dalla polvere e dai fenomeni atmosferici, ma anche al freddo. Le intemperie, in effetti, possono avere ripercussioni sulla longevità dei materiali: e non si tratta solo della neve o della pioggia, ma anche dei raggi del sole, che – come noto – possono far sbiadire i colori.

Individuare maniglie che mantengano le proprie caratteristiche inalterate nel corso del tempo è, insomma, un obbligo, per evitare di essere costretti a sostituirle già dopo pochi anni. Dalle maniglie corte ai pomoli in ottone, dalle maniglie lunghe ai pomoli in alluminio, dai pomelli ai pomoli che combinano l’alluminio e l’ottone, non è difficile trovare soluzioni che offrano prestazioni ottimali.

L’estetica

Come si è detto, anche l’estetica ricopre un ruolo di primo piano, a maggior ragione nel caso in cui si abbia a che fare con una porta blindata caratterizzata da un rivestimento in legno. In presenza di un’essenza calda e dalle tonalità scure, per esempio, ci si può affidare a una maniglia di metallo con colorazione dorata: l’ottone è la classica soluzione a cui si può pensare in questi casi. Laddove, invece, si ha una porta dal colore chiaro, non c’è niente di più appropriato di una maniglia color argento.

La massima libertà di scelta è ammessa, poi, con le porte bianche, che hanno il pregio di poter essere abbinate a qualsiasi genere di maniglie. Più l’anta è semplice e più la maniglia potrà essere elaborata o carica di decorazioni: un’anta in vetro permette, infatti, di sbizzarrirsi con soluzioni originali e fuori dal comune.

Nella maggior parte dei casi le porte blindate sono già dotate di una maniglia di serie, ma a volte può essere necessario comprarne una nuova: per esempio perché quella originale si è rotta o comunque usurata, e quindi non garantisce più lo stesso livello di sicurezza di un tempo; o, più semplicemente, perché il suo impatto estetico non è gradevole e non si adatta bene al resto dell’arredamento.

Le maniglie in acciaio, che possono essere più o meno elaborate, sono raccomandate sia in presenza di ante realizzate completamente in vetro che per le ante lisce.

Il kit per le porte blindate

Se si è alla ricerca di maniglie per le porte blindate, si può anche pensare di ricorrere a un vero e proprio kit, vale a dire un pacchetto che include le maniglie da porta abbinate (a seconda dei casi, ci possono essere una maniglia, un maniglione e un pomolo). Le opzioni a disposizione sono molte in questo senso: per esempio, è possibile scegliere tra un pomolo girevole e un pomolo fisso, mentre il limitatore di apertura è sempre a scorrimento. Per quel che riguarda la rosetta, si può scegliere tra una versione quadrata e una versione tonda, fermo restando che gli ingombri delle bocchette e della rosetta stessa sono concepiti e realizzati per risultare minimi.

La varietà di kit che si possono trovare sul mercato è tale da andare incontro ai gusti più vari: dalle finiture in oro lucido a quelle in cromo satinato, passando per le finiture in cromo, c’è solo l’imbarazzo della scelta, visto che in tutti i casi si ha la certezza di poter contare su soluzioni di alta qualità e, al tempo stesso, molto eleganti.

In caso di necessità, la maniglia esterna della porta può essere sostituita, per esempio per adattarsi alle esigenze del condominio in cui si trova l’appartamento, senza rinunciare a una maniglia personalizzata all’interno. I kit con le maniglie per le porte blindate si fanno apprezzare proprio per la flessibilità che li caratterizza, e che consente di scegliere soluzioni sempre in linea con i bisogni da soddisfare.

I prezzi

Ovviamente, tra i tanti criteri che devono essere adottati per la scelta non ci si può dimenticare del prezzo. Il range in questo settore è molto ampio, a seconda del prodotto per cui si decide di optare e del rivenditore a cui ci si affida: è chiaro, insomma, che le soluzioni standardizzate che vengono proposte nei negozi di bricolage sono più convenienti rispetto alle proposte di design delle aziende specializzate. Il materiale, a sua volta, è una variabile che influisce in modo decisivo sulla spesa finale.

Come detto, le opzioni sono tante: si va dal nichel spazzolato al metallo, passando per l’ottone e per il cromo. Meglio pensare anche alla manutenzione che questo o quel materiale potrebbero richiedere: nessuno ha voglia di mettersi a pulire le maniglie della porta di ingresso tutti i giorni.

In linea di massima, si può dire che le maniglie per le porte blindate più basiche possono costare più o meno 10 euro: a mano a mano che la cifra sale, si ha a che fare con materiali di maggior pregio, ma anche con standard di sicurezza più elevati, che possono imporre un esborso economico di 2 o 300 euro.

Uno dei fattori più importanti da tenere a mente resta la presenza di un dispositivo di sicurezza: ovviamente presuppone un costo un po’ più alto, ma si tratta di un piccolo investimento che vale la pena di sostenere, soprattutto se ci sono dei bambini piccoli, per dormire sonni tranquilli.

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi