fbpx
Home » Gravidanza » Colesterolo alto in gravidanza: tutto quello che c’è da sapere
colesterolo alto in gravidanza

Colesterolo alto in gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

Il colesterolo alto in gravidanza rappresenta una situazione normale. La colesterolemia, vale a dire il tasso di colesterolo nel sangue, si riduce nei primi tempi della gestazione per poi risalire subito: in particolare, nel corso delle prime otto settimane l’incremento è lieve, per poi crescere dal quarto mese in avanti. Intorno all’ottavo mese poi si toccano i valori più elevati: è per questo motivo che non ci si deve preoccupare del colesterolo alto terzo trimestre.

Il colesterolo non è un nemico

Una donna che teme il colesterolo alto in gravidanza deve sapere che, in realtà, esso non è da considerare un nemico, e anzi rappresenta il mattone alla base della formazione di tutte le cellule del feto.

Ecco perché in una donna incinta i suoi livelli aumentano: l’organismo umano produce grandi quantità di colesterolo perché si sta “costruendo” una nuova creatura al suo interno. Ovviamente, sarebbe meglio essere consapevoli del proprio livello di colesterolo prima della gravidanza, così da verificare una eventuale tendenza all’ipercolesterolemia: dei normali esami del sangue sono sufficienti a questo scopo.

Quali sono i valori normali in gravidanza?

I valori normali colesterolo in gravidanza non dovrebbero superare i 337 milligrammi per decilitro di sangue. Anche se non si arriva a 280 o a 300 milligrammi per decilitro, dunque, nessun problema: l’importante è non andare oltre la soglia indicata.

L’aumento del colesterolo, in altri termini, è fisiologico: il corpo della futura mamma ne ha bisogno per favorire la formazione delle cellule fetali.

Occorre prestare attenzione, tuttavia,  alle ipercolesterolemie che sono provocate da una resistenza insulinica: in questo caso le cellule non reagiscono all’ormone, e il corpo finisce per produrre una quantità di insulina più alta del necessario. L’insulina, lo ricordiamo, è coinvolta nella biosintesi del colesterolo, ed è questa la ragione per la quale si assiste a un incremento dei livelli di quello che viene definito colesterolo cattivo, il colesterolo LDL.

I rimedi naturali per abbassare il colesterolo

Nel caso in cui il livello di colesterolo della gestante risulti superiore al range di normalità della gravidanza, è opportuno correre ai ripari.

L’assunzione di farmaci  dovrebbe essere evitata quando possibile; per abbassare il livello di colesterolo, pertanto, è opportuno prestare attenzione a quel che si mangia.

Da limitare sono, in particolare, i condimenti come la panna o il burro, ma anche gli alimenti come le uova e le carni rosse. I salumi e i cibi fritti dovrebbero essere messi al bando: lo stesso dicasi per i dolci, per i latticini, per i crostacei e per i formaggi molto elaborati. Tra gli alimenti consigliati ci sono, invece, il riso rosso fermentato, le olive, l’aglio e i carciofi.

 

 

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi