fbpx
Home » Gravidanza » Esami » Ecografia premorfologica: tutto quello che c’è da sapere
ecografia premorfologica

Ecografia premorfologica: tutto quello che c’è da sapere

L’ecografia premorfologica è  la prima ecografia in cui si possono vedere eventuali anomalie a carico del feto. Viene eseguita tra la 16esima e la 19esima settimana, al fine di riconoscere più precocemente eventuali patologie. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Di cosa si tratta

Si chiama ecografia premorfologica perché osserva e studia la crescita fetale, per stimare l’epoca presunta del parto, e la morfologia degli organi e delle strutture ossee per escludere o individuare segni che potrebbero essere indice di alcune patologie o malformazioni strutturali.

A cosa serve

In particolare essa consente una indagine accurata della forma e delle dimensioni degli organi, di valutare lo spessore della plica nucale, il corretto sviluppo dell’osso del naso, la lunghezza del femore, il sesso del feto e le caratteristiche del liquido amniotico.

L’ecografia premorfologica ha il medesimo scopo dell’esame strutturale o morfologico, ma viene eseguito in anticipo, così da avere una diagnosi precisa sullo stato di salute del bambino e – in condizioni  positive -evitare esami invasivi.

Come si esegue l’ecografia premorfologica

Un’ecografia premorfologica viene eseguita tramite il passaggio di una sonda sull’addome della futura mamma: l’apparecchiatura utilizzata è altamente professionale  e consente di riconoscere circa il 90% delle maggiori malformazioni.  Oggi, in alcuni centri, grazie ai progressi in campo tecnologico, si utilizzano delle speciali sonde in 3D che – oltre a essere più efficaci per riscontrare eventuali anomalie – studiano il sistema nervoso centrale e forniscono un’immagine più reale del feto,  quest’ultima circostanza, tra l’altro, risulta essere particolarmente emozionante per la mamma in dolce attesa.

Ricordiamo tuttavia che l’ecografia premorfologica non effettua la diagnosi per malattie cromosomiche e genetiche; per queste ultime, infatti, è necessaria l’amniocentesi o il test del dna fetale.

Ecografia premorfologica e aborto

L’ecografia premorfologica è utile al fine di avere un’anteprima dello stato di salute del feto. In questo periodo della gravidanza, in caso di anomalie e patologie, è possibile  prendere qualunque decisione, sia essa l’interruzione di gravidanza oppure l’accettazione della malattia: due scelte entrambe delicatissime.

Ricordiamo a tal proposito che la legge 197/48 e le sue successive modificazioni prevedono che l’interruzione di gravidanza in caso di malattia fetale può essere eseguita fino alla 22 settimana.

Per ulteriori informazioni sulla salute e il benessere della donna, dai un’occhiata al seguente link: www.universoalfemminile.it!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi