fbpx
Home » Gravidanza » Perdite gialle in gravidanza: di cosa si tratta?
perdite gialle in gravidanza

Perdite gialle in gravidanza: di cosa si tratta?

Le perdite gialle in gravidanza sono episodi fisiologici provocati dagli sbalzi ormonali che si verificano nel corso della gestazione: non c’è da preoccuparsi per la loro presenza, a meno che non siano caratterizzate da cattivi odori o accompagnate da fastidio, bruciore o prurito. Le perdite di solito sono dovute all’incremento degli estrogeni e del progesterone, oltre che alle variazioni del pH vaginale.

Nel primo trimestre

Le perdite gialle in gravidanza primo trimestre sono decisamente frequenti: se si riscontra un odore poco gradevole o se si nota un bruciore, è probabile che si abbia a che fare con un’infezione, ma in caso contrario non c’è niente da temere. Le perdite che non causano fastidi e che sono inodori sono del tutto normali; è importante, però, evitare di confonderle con la leucorrea gravidica, che dura per tutto il periodo della gestazione.

Nel secondo trimestre

Per quel che riguarda le perdite gialle in gravidanza secondo trimestre, la presenza di muco di colore giallastro può essere determinata da un incremento della produzione di secrezioni di muco vaginale, che in alcuni casi può essere molto consistente. Tali perdite hanno una consistenza cremosa o liquida, sono asintomatiche e presentano una colorazione che può andare dal giallo chiaro al bianco trasparente. Va detto, comunque, che il secondo trimestre è quello in cui le perdite sono meno abbondanti.

Nel terzo trimestre

Infine, le perdite gialle in gravidanza terzo trimestre tendono ad aumentare per colpa della leucorrea vaginale. Poco prima del parto, nel nono mese, esse possono derivare dal fatto che il tappo mucoso, grazie al quale l’utero è isolato rispetto all’esterno, si rompe. Non è raro che si notino, in questi casi, delle macchie di colore rosso o marrone. Se le perdite si dovessero dimostrare molto abbondanti e fastidiose, vale la pena di rivolgersi al proprio ginecologo, per scongiurare eventuali problemi e individuare le terapie che devono essere seguite a questo scopo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi