fbpx
Home » Gravidanza » Dubbi » Quando posso fare il test di gravidanza?
quando posso fare il test di gravidanza

Quando posso fare il test di gravidanza?

Quando posso fare il test di gravidanza? Questa è la domanda che si pongono molte ragazze e molte donne dopo un rapporto sessuale non protetto. I test di nuova generazione, per fortuna, non richiedono un tempo, di attesa lungo, dal momento che risultano sensibili già nei giorni che precedono il ritardo delle mestruazioni. Tuttavia, per avere la certezza di un risultato del tutto sicuro e attendibile, è comunque consigliabile far passare dall’ovulazione almeno due settimane.

Come funzionano i test di gravidanza

“Dopo quanti giorni posso fare il test di gravidanza?” è il dubbio che attanaglia le donne che si recano in farmacia per comprare un test o che hanno in mente di rivolgersi a un laboratorio specializzato per eseguire le analisi delle urine.

Per trovare una risposta affidabile, vale la pena di conoscere il meccanismo di funzionamento dei test, che misurano la presenza della cosiddetta Beta HCG nelle urine: si tratta di un ormone, il cui nome completo è gonadotropina corionica umana, che viene sintetizzato dall’abbozzo della placenta, il trofoblasto, dopo che l’embrione è stato impiantato nell’utero, e cioè circa una settimana dopo il concepimento. Nel sangue l’ormone in questione può essere rilevato più o meno a una decina di giorni di distanza dal concepimento.

I test di gravidanza prima del ciclo in stick consentono di rintracciare la presenza del Beta HCG tra i 4 e i 2 giorni precedenti il ritardo della mestruazione.

Quanto tempo bisogna aspettare?

Ovviamente, è opportuno evitare di anticipare in maniera eccessiva i tempi, poiché se ci si sottopone troppo presto al test si corre il pericolo di incappare in un falso negativo.

Il test può essere eseguito in maniera precoce solo nel caso in cui si sia solite avere un ciclo regolare, mentre in caso contrario è preferibile avere un po’ di pazienza e attendere alcuni giorni in più.

Nell’eventualità in cui il test dia un risultato negativo, ma non si sia del tutto convinte della sua attendibilità, è bene ripeterlo a distanza di alcuni giorni, sempre che – ovviamente – nel frattempo non siano arrivate le mestruazioni.

Affinché i margini di errore siano ridotti al minimo, inoltre, è opportuno che il test venga eseguito a 4 ore di distanza dalla minzione precedente o, meglio ancora, al mattino con le prime urine dopo il sonno.

Spread the love

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi