fbpx
Home » Gravidanza » Vaccini in gravidanza: quali effettuare?
vaccini in gravidanza

Vaccini in gravidanza: quali effettuare?

Il tema “vaccini in gravidanza” ha da sempre determinato numerosi dubbi nella gestante che, spesso e volentieri, non sa come orientarsi e a quali  profilassi  è necessario sottoporsi quando si è in dolce attesa. Per non incorrere in errori  è opportuno fare riferimento alle indicazioni fornite dal Ministero della Salute che, per altro, segnala quali sono i vaccini necessari non solo prima della gravidanza, ma anche dopo: raccomandazioni indispensabili per fare in modo che gli anticorpi necessari possano essere trasmessi al feto e che questo sia protetto in maniera adeguata.

I vaccini necessari

Esistono delle malattie che sono in grado di compromettere la fertilità e di condizionarla in senso negativo: ecco perché in età fertile le donne dovrebbero ricorrere ai vaccini contro il papilloma virus, contro la varicella, contro la rosolia, contro la parotite e contro il morbillo.

Per quel che riguarda i vaccini in gravidanza, le protezioni richieste sono quelle contro la difterite, il tetano e la pertosse. Occorre sapere, d’altra parte, che la cosiddetta vaccinazione dTpa è imprescindibile anche nel caso in cui la donna incinta sia già stata vaccinata, non abbia mancato alcun richiamo decennale o abbia contratto in precedenza la pertosse.

Se questa malattia colpisce il neonato nei suoi primi mesi di vita, infatti, le conseguenze possono essere molto gravi, se non addirittura mortali: ecco perché è importante evitare che la madre sia la fonte di infezione.

Quando effettuare il vaccino

Ma qual è il periodo più indicato per sottoporsi ai vaccini in gravidanza? Per quel che concerne la vaccinazione dTpa, gli esperti consigliano di effettuarla nel corso del terzo trimestre della gestazione, e in particolare in corrispondenza della 28esima settimana. In questo modo, la futura mamma ha la possibilità di produrre una quantità di anticorpi tale da favorire l’incolumità del nascituro, mediante il loro passaggio attraverso la placenta.

Gli altri vaccini

Esistono, in ogni caso, anche altri vaccini in gravidanza raccomandati: quello contro l’influenza, per esempio, a maggior ragione nel caso in cui la gestazione avvenga nel corso di una stagione influenzale. In tale circostanza, il vaccino è gratuito e viene messo a disposizione di tutte le donne che sono al secondo o al terzo trimestre di gravidanza all’inizio della stagione di epidemia dell’influenza. Deve essere evitato in gravidanza, invece, il vaccino contro la varicella: ciò vuol dire che, nel momento in cui rimane incinta, la donna deve essere già stata vaccinata da un mese o più con le due dosi necessarie. L’esposizione accidentale al vaccino della varicella in gestazione, ad ogni modo, non costituisce un motivo sufficiente per programmare un’interruzione volontaria della gravidanza.

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi