fbpx
Home » Gravidanza » Disturbi » Varicella in gravidanza
varicella in gravidanza

Varicella in gravidanza

I rischi varicella in gravidanza non possono essere sottovalutati per un’infezione primaria che colpisce fino a 3 donne su 1000 in dolce attesa. La complicanza più comune è rappresentata dalla polmonite, e non bisogna dimenticare che si tratta di una malattia molto contagiosa: essa viene trasmessa tramite contatto diretto con le lesioni cutanee o per via aerea, a causa delle secrezioni respiratorie che provengono dagli starnuti o dalla tosse.

L’immunità varicella, lo ricordiamo, riguarda fino al 97% della popolazione adulta: anche se la malattia colpisce soprattutto i bambini, però, è opportuno non abbassare la guardia.

La varicella si trasmette al feto?

Che si abbia a che fare con la varicella alla 27 settimana di gravidanza o con la varicella alla 36 settimana di gravidanza, la preoccupazione più diffusa tra le mamme è quella che la malattia si possa trasmettere al feto. La probabilità che ciò accada, in effetti, è abbastanza elevata: si parla, infatti, di 1 caso su 5.

Non solo: la varicella prime settimane di gravidanza potrebbe determinare un aborto spontaneo.

Se la malattia si presenta nel primo trimestre può provocare la varicella congenita, che nei casi più gravi si traduce in ritardi mentali o encefaliti, ma che più spesso dà origine ad atrofia muscolare, lesioni cutanee con cicatrici e ipoplasia delle dita.

I pericoli correlati alla varicella in gravidanza

Per la varicella incubazione e contagio richiedono un attento calcolo delle tempistiche:

  • nel caso in cui il contagio si verifichi prima delle ultime tre settimane che precedono il parto, la mamma avrà i primi sintomi della malattia prima di dare alla luce il bambino. Il rischio che il virus venga trasmesso nella placenta esiste, ma è comunque basso. In ogni caso, non ci sono molte probabilità che si manifesti una varicella neonatale, in quanto il feto riceve dalla mamma gli anticorpi. Se anche il neonato dovesse essere stato contagiato, di solito la malattia si caratterizza per un decorso favorevole;
  • nell’eventualità in cui, invece, il parto si verifichi quando la malattia è ancora in fase di incubazione, può accadere che il bimbo sia sano alla nascita e si ammali dopo;
  • infine nel caso in cui il contagio abbia luogo nelle ultime 3 settimane di gestazione, la situazione si fa più complessa, poiché il bambino verrà al modo quando la presenza di particelle virali nel sangue materno è massima.

Vaccino varicella in gravidanza?

Il vaccino varicella non può essere effettuato durante i 9 mesi di gestazione; tuttavia esso è consigliato a tutte le donne in età fertile che stanno programmando una gravidanza: in tal caso sarà possibile scongiurare eventuali drammatiche conseguenze.

Spread the love

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi