fbpx
Home » Bimbi » Psicologia » Le mamme giapponesi hanno molto da insegnarci: ecco perché
mamme giapponesi
Happy Asian young family homeowners bought new house. Japanese Mom, Dad, and daughter embracing looking forward to future in new home after moving in relocation sitting on sofa with boxes together.

Le mamme giapponesi hanno molto da insegnarci: ecco perché

Sembra proprio che i bambini giapponesi siano molto meno monelli rispetto a quelli italiani.

Una questione di cultura, di ambiente o di educazione? In ogni caso, vale la pena di scoprire da vicino il metodo educativo che viene seguito e messo in pratica dalle mamme giapponesi.

Il popolo nipponico, in generale, si dimostra particolarmente attento alle regole e ligio al proprio dovere: non è un caso che quello del Sol Levante sia uno tra i Paesi al mondo con il più basso indice di criminalità.

È evidente, allora, che i bambini giapponesi che crescono in un contesto simile tendono a essere poco capricciosi, e soprattutto rispettosi.

I papà e le mamme giapponesi

Sono i genitori ad avere un ruolo di primo piano da questo punto di vista, educando i propri piccoli fin da subito a basare i propri comportamenti e le proprie azioni su principi ben precisi, senza dimenticare – ovviamente – il buon esempio.

Ma di quali principi si sta parlando? L’attaccamento, per esempio, ma anche l’armonia e l’empatia.

Tra l’altro, una ricerca dell’Associazione del Kansas dedicata alla salute mentale nella prima infanzia e nell’infanzia ha evidenziato le caratteristiche dei diversi tipi di educazione a livello planetario, facendo notare come i bambini giapponesi da un lato siano del tutto autonomi e dall’altro siano portati a seguire il modo di comportarsi dei propri genitori in casa.

Perché i bambini giapponesi non fanno i capricci

I bimbi nipponici hanno pochi atteggiamenti lamentosi e non fanno i capricci, a differenza di quel che accade tra gli occidentali, anche grazie al ruolo di rilievo della mamma.

bambini giapponesi

Infatti, affidare l’educazione dei bambini o degli adolescenti ai nonni non è una prerogativa nipponica, ed è anche raro il ricorso a una baby sitter.

Leggi anche  Come diventare una brava madre: alcune semplici regole

Di conseguenza, una delle colonne portanti del sistema educativo nipponico è rappresentato dalla relazione con la mamma: in Giappone il cosleeping viene attuato fino a quando i bambini raggiungono il sesto anno di età.

Il ruolo delle mamme giapponesi

Le punizioni non fanno parte del sistema educativo delle mamme giapponesi, che ogni volta che devono far capire che cosa sia giusto e che cosa no ai propri bambini si armano di pazienza per fornire spiegazioni meticolose e dettagliate, utili per far capire ai piccoli che conseguenze qualunque azione può avere nei confronti delle altre persone.

I bambini in Giappone cominciano ad andare a scuola a tre anni, ma fino a quel momento vivono con la madre un rapporto simbiotico.

Un’educazione sempre gentile

Ecco, quindi, che quella che viene messa in pratica in Giappone è un’educazione gentile, non di rado fondata sul senso di vergogna e, quindi, su un meccanismo implicito di persuasione che può scaturire.

Ecco perché i bambini non si lamentano né piangono in presenza di altre persone.

Le mamme giapponesi non alzano la voce, e per rimproverare si accontentano di uno sguardo, grazie a cui i bambini capiscono di aver fatto qualcosa di male e si danno da fare per rimettere le cose al proprio posto.

Spread the love

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi