Home » Gravidanza » Disturbi » Mal di denti in gravidanza: cosa fare?
mal di denti in gravidanza

Mal di denti in gravidanza: cosa fare?

Può capitare di avere mal di denti in gravidanza: si tratta di un’evenienza per nulla rara, in quanto la salute orale risente delle modificazioni ormonali che hanno luogo nei 9 mesi di gestazione.

Ma come comportarsi in questa situazione? È risaputo che le gestanti, al fine di tutelare la salute del feto, non possono assumere tutta una serie di farmaci. Proprio per questo motivo  è opportuno fare riferimento a uno specialista. 

Le regole da seguire in gravidanza per preservare la salute dei denti

Quando una donna scopre di essere incinta dovrebbe, tra le altre cose, prenotare una visita dal proprio dentista di fiducia, in modo tale da ottenere tutte le indicazioni del caso.

Se non ci sono problemi significativi, il professionista le consiglierà di effettuare innanzitutto una igiene dentale professionale e si raccomanderà di essere particolarmente scrupolosa nella detersione domiciliare del cavo orale.

In effetti durante questa delicata fase della vita di una donna, si può soffrire di mal di denti, pur in assenza di carie o di tipologie di infezioni. In tal caso si parla di nevralgie transitorie, per le quali dentista indicherà il rimedio farmacologico migliore compatibile con la “dolce attesa”.

Quali sono i sintomi del mal di denti in gravidanza?

Come detto in precedenza è frequente che le donne incinte abbiano problemi ai denti, a causa della maggiore sensibilità dentale – provocata da un’erosione dello smalto – che può essere alla base di fastidiosi dolori. Le famose nausee gravidiche, infatti, aumentano l’acidità, che è una proverbiale nemica dello smalto dei denti.

Uno dei primi sintomi che la donna solitamente rileva è la presenza di sangue quando si spazzolano i denti. In concomitanza della perdita di sangue è anche possibile notare un arrossamento, e in taluni casi anche un rigonfiamento, delle gengive.

Questi sintomi possono rilevare la presenza di un processo infiammatorio oppure semplicemente essere legati allo stato interessante.  

La problematica – dunque – può essere di lieve entità, e dar luogo a fastidi tollerabili (come, ad esempio eccessiva sensibilità al caldo o al freddo). 

Mal di denti in gravidanza cause

Ma quali sono le principali cause del mal di denti in gravidanza?

Come detto uno dei principali motivi che stanno alla base delle nevralgie dentali è la sensibilità dentale tipica dei nove mesi di gestazione. Inoltre è anche possibile che a causare il mal di denti siano le seguenti condizioni patologiche:

  • Gengivite
  • Carie
  • Malattia parodontale
  • Rottura di un dente
  • Infiammazione cronica dell’apice radicale del dente (granuloma dentale)

Se non si fa particolare attenzione all’igiene orale, le modifiche ormonali causate dalla gestazione possono determinare fastidiose gengiviti e altre problematiche di entità variabile.

Una meno efficiente flora batterica orale, poi, può favorire la parodontite, o portare al peggioramento dei sintomi per le donne che già ne soffrono.

A provocare il mal di denti in gravidanza può essere anche la comparsa di carie dentali, che, se non vengono adeguatamente curate, possono provocare un’infiammazione anche al nascituro.

Se i denti risultano troppo indeboliti, si corre il rischio che si rompano: in queste circostanza, l’esposizione del nervo può determinare fastidio e dolori.

Il processo infiammatorio dei denti in gravidanza, per lo più provocato dai batteri, può riguardare anche la loro radice, determinando la formazione dei cosiddetti granulomi.

Come risolvere il mal di denti in gravidanza?

Per gestire in maniera opportuna al mal di denti in gravidanza è necessario:

  • Igiene dentale
  • Analgesici e antinfiammatori compatibili con la gravidanza
  • Otturazione dentale al fine di restaurare il dente colpito dal processo cariogeno
  • Devitalizzazione (rimozione della polpa del dente) e applicazione di capsule
  • Estrazione del dente

In caso di arrossamento o gonfiore delle gengive o in presenza di sanguinamento, la gestante dovrebbe immediatamente rivolgersi al proprio dentista.

A tal proposito è opportuno ricordare che il momento migliore per le cure dentistiche corrisponde al secondo trimestre di gravidanza, ma ciò non toglie che in caso di necessità è sempre bene rivolgersi a uno specialista.

Grazie a una pulizia dei denti professionale sarà possibile rimuovere il tartaro, principale causa delle infiammazioni delle gengive e della malattia paradontale.

In alcuni casi sarà possibile risolvere il mal di denti in gravidanza con l’assunzione di antidolorifici prescritti dal medico, in altri può rendersi necessaria una terapia antibiotica. Ciò che conta è sentire sempre il parere del medico prima di prendere qualsiasi farmaco se si è in gravidanza. Potrebbe anche essere utile consultare telefonicamente il Centro Antiveleni Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo: ecco il numero Verde a cui è possibile rivolgersi 24 ore su 24: 800 883300.

Spread the love

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi