fbpx
Home » Gravidanza » Disturbi » Tutto quello che c’è da sapere sulla pillola abortiva
pillola abortiva

Tutto quello che c’è da sapere sulla pillola abortiva

La pillola RU846, da tutti conosciuta con il nome di pillola abortiva, rappresenta il metodo privilegiato per una interruzione di gravidanza volontaria; deve essere usata, però, entro le 7 settimane successive rispetto al momento del concepimento.

Per la pillola abortiva esperienze e opinioni che si possono trovare in Rete testimoniano vantaggi evidenti, dal momento che si tratta di un metodo che non presuppone anestesia e non necessita di un intervento chirurgico.

Come procurarsi la pillola abortiva? L’assunzione deve essere effettuata sotto la supervisione di un medico, fermo restando che si sta sempre parlando di mettere fine alla vita di una creatura.

I vantaggi offerti dalla pillola abortiva

Per quel che riguarda il rapporto tra pillola abortiva e fertilità va segnalato che nella maggior parte dei casi la somministrazione di questo farmaco non determina gravi complicazioni in occasione di successive gravidanze né problemi di infertilità. Tuttavia, ci sono anche studi che testimoniano una potenziale relazione fra l’aborto farmacologico e problemi che si possono riscontrare nelle gestazioni seguenti.

A parte ciò, i vantaggi offerti da questo metodo sono innegabili: per esempio per la pillola ru846 costo e spese da affrontare non sono un problema. Essa, inoltre, si dimostra efficace in media in 19 casi su 20. L’assunzione della pillola abortiva a casa non è possibile: l’ospedalizzazione, anche se non è indispensabile in tutti i Paesi del mondo, è sempre raccomandata.

Le opinioni di chi l’ha provata

Sulla pillola abortiva forum e social network pullulano di racconti e pareri. Quel che emerge è che si parla di un metodo abortivo decisamente meno invasivo del raschiamento o di un’altra procedura chirurgica come l’aspirazione. Essa, inoltre, consente di interrompere una gravidanza in caso in cui non si può procedere con un aborto chirurgico.

Leggi anche  Incontinenza in gravidanza: quali rimedi?

Vengono meno, poi, tutti i rischi tipici di un aborto chirurgico, a cominciare dai traumi al collo dell’utero.

Come si richiede la pillola abortiva

Per chi si chiede la pillola abortiva come richiederla è necessario sapere che la somministrazione può avvenire unicamente in ambito ospedaliero. Il ricovero è obbligatorio in Italia: esso deve iniziare nel momento in cui il farmaco viene assunto e proseguire fino a quando non si ha la sicurezza che la gravidanza sia stata interrotta.

Lo scopo è quello di scongiurare il rischio che si verifichino in seguito degli effetti teratogeni. Di conseguenza non è un farmaco che si possa usare a casa, visto che ci vuole sempre il controllo medico: queste sono significative differenze con la pillola del giorno dopo.

Come funziona la pillola abortiva

La pillola abortiva permette, dunque, di interrompere una gravidanza senza ricorrere a un intervento chirurgico. Il farmaco ha il nome di mifepristone e va ad agire su un ormone, denominato progesterone, che garantisce il mantenimento della gravidanza. Dopo aver preso la pillola abortiva cosa succede, allora?

Semplicemente viene bloccata l’azione di questo ormone. In realtà la paziente assume due differenti farmaci: dopo il mifepristone tocca alla prostaglandina, che viene somministrata a distanza di 48 ore e che serve a favorire l’eliminazione del materiale abortivo, anche se a volte l’espulsione avviene già in precedenza.

Puoi approfondire leggendo il nostro articolo sull’aborto terapeutico.

Spread the love

Facebook Comments

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi